Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan

wat chakrawat ratchawat woramahawihan

💰Costo: Ingresso libero
⏱Tempo necessario: minimo 1 ora
⏰Accessibile: dalle 08:00 alle 17:00
🚶Difficoltà: 1,5 Facile                                                                                                     

 

Costo

Ingresso libero

Tempo

Minimo 1 ora

Orari

06:00 - 19:00

Difficoltà

1,5 - Facile

INFORMAZIONI GENERALI

Immerso in una zona particolarmente affollata, accanto a un parcheggio vicino a Chinatown, c’è il Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan – Il tempio del coccodrillo, noto per i suoi residenti unici, oltre ai monaci.

Dall’esterno, il Wat Chakrawat potrebbe sembrare uno dei tanti tempi quasi dimenticato, ma pochi si rendono conto di quanto sia davvero unico e antico questo luogo.

Quando Ayutthaya era la capitale del Siam, c’erano molti coccodrilli che vivevano lungo entrambi i lati del fiume Chao Phraya.

Uno dei coccodrilli più famosi è la bestia mangia-uomini soprannominata “Ai-bod” (con un occhio solo in tailandese). Terrorizzava le persone che vivevano lungo entrambe le sponde del fiume, questo coccodrillo era noto per cacciare fino a Saphan Phut, uccidendo molti sulla sua scia. Alla fine, gli uomini andarono a caccia della bestia. Lo inseguirono nel Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan (all’epoca conosciuto come Wat Sam Pluem) e lo trovarono nascosto sotto una delle case del monaco.

Tuttavia, il monaco chiese di risparmiare la vita al coccodrillo come segno di rispetto nei suoi confronti e la gente fu felice di accontentarlo a condizione che il coccodrillo fosse tenuto al sicuro lontano dalla comunità. Poi fu scavato uno stagno sotto la casa del monaco e attorno ad esso fu eretto un robusto recinto per assicurarsi che il coccodrillo non facesse mai più del male a nessuno.

Puoi ancora visitare Ai-bod oggi al Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan. È imbalsamato e adagiato su un supporto che domina i suoi compagni di stagno viventi con un sorriso permanente. Se sei fortunato, potrai osservare i monaci che puliscono la fossa dei coccodrilli.

Affettuosamente conosciuto come il Tempio del Coccodrillo per i suoi unici coccodrilli residenti permanenti, il Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan ospita anche esempi eccezionali di architettura del XIX secolo.

A sinistra dell’ingresso c’è una scala che conduce ad una piattaforma che ospita un mondop sormontato da prang in stile Khmer. Il mondop ospita un bellissimo santuario con impronta del Buddha.

Presentato come tempio reale nel 1835 da Chao Phraya Bodindecha (Sing Singhaseni), una delle figure politiche e militari più importanti del primo regno di Bangkok-Rattanakosin, al re Rama III, il tempio ospita ancora una delle più grandi comunità di monaci e novizi a Bangkok fino ad oggi.

La parte più antica del tempio offre un’atmosfera tranquilla. Da un lato, è in costruzione una nuova sezione che assomiglia a un gigantesco termitaio o ad una struttura simile a una grotta con una forma nera su un muro chiamato “l’ombra del Buddha” ricoperto di foglie d’oro offerte dai visitatori. Accanto a questa c’era una statua d’oro del Buddha Katyayana seduto.

Wihaan di due secoli fa si trovava al centro del terreno del tempio. Le pareti esterne sono decorate con intricati motivi tailandesi color oro su pareti nere sbiadite. Sono in corso di ristrutturazione alcune parti dell’edificio dove alcuni mattoni sono a vista e la vernice scheggiata. Sono presenti anche diversi prang in stile Khmer attorno al tempio e uno ha una piccola casa in stile cinese sul muro che circonda il prang.

COME ARRIVARCI

Situato nella parte occidentale di Chinatown, Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan copre una vasta area tra Chakrawat Road e Maha Chak Road. Il modo più semplice per raggiungere Wat Chakrawat Ratchawat Woramahawihan Ã¨ in barca (dal molo di Saphan Taksin) al molo di Ratchawong.

Il tempio è a pochi passi da lì. Prosegui dritto su Ratchawong Road e svoltare a sinistra su Anuwong Road. Continua a camminare finché non ti trovi su Maha Chak Road e all’ingresso sud del tempio, il vicolo fa una brusca svolta a destra .

PICCOLI SUGGERIMENTI DA SAPERE

Rispetta le immagini del Buddha e astieniti dal toccarle o calpestarle. Solo i lavoratori autorizzati possono arrampicarsi su una statua per pulire o posizionare offerte.

Esiste un codice di abbigliamento specifico per visitare il tempio. Potrebbe non esserti permesso entrare se indossi pantaloncini sopra le ginocchia, una t.shirt senza maniche o con l’ombelico in vista. Come ovunque in Thailandia, indossare gli abiti giusti mostra rispetto mentre si è nel luogo sacro.

Personalmente, visto il caldo, non indosso propriamente maniche lunghe o pantaloni lunghi ma le ginocchia e le braccia le copro sempre. Al max porto nello zainetto un pareo da indossare all’occorrenza in caso di emergenza.

Considera che dovrai toglierti le scarpe all’interno del tempio ed il pavimento potrebbe essere molto caldo, quindi porta i calzini se non vuoi bruciarti i piedi. Anche per una questione igienica i calzini son comunque consigliati, al massimo tienili nello zainetto ed indossali all’occorrenza solo per visitare il tempio.

Durante l’adorazione davanti all’immagine del Buddha, i tuoi piedi non dovrebbero essere rivolti verso la scultura. È considerato altamente irrispettoso, infatti se noti i monaci si inginocchiano con i piedi rivolti verso il lato opposto la statua.

0 0 votes
Valuta l'articolo
Iscriviti ai commenti di questa pagina
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments