L'angolo delle curiosità

Non ho ancora pubblicato alcun contenuto per questo argomento, continua a seguirmi ed iscriviti alla newsletter per non rischiare di perdere gli aggiornamenti sulle tue prossime mete di viaggio.

QUALCHE CENNO STORICO

La Malesia si trova sulla rotta delle spezie e commercianti e coloni della regione, composti prevalentemente da cinesi e indiani, iniziarono ad arrivare nella penisola intorno al I secolo d.C. e nel III secolo i porti e le città commerciali erano già stati saldamente stabiliti.

Le iscrizioni sanscrite iniziarono ad apparire intorno al IV o V secolo e il buddismo e l’induismo erano le religioni dominanti. Per sei secoli (dal VII al XIII secolo), la penisola malese è stata sotto il dominio dell’impero Srivijaya, un antico regno marittimo di Sumatra, l’attuale Indonesia. Principe dell’antico impero, Parameswara fondò il Sultanato di Malacca, ritenuto il primo stato indipendente della penisola malese e divenne musulmano, accelerando la conversione dei malesi all’Islam.

Diverse colonie hanno governato la Malesia dal XV secolo. Fu prima conquistata dal Portogallo nel 1511 e poi presa dagli olandesi poco dopo. Nel 1786 il sultano di Kedah aveva affittato l’isola di Penang all’impero britannico attraverso la British East Indian Company.
Il trattato anglo-olandese del 1824 fece sì che Malacca fosse sotto il controllo britannico e nel 1826 controllavano Penang, Malacca, Labuan. Labuan fu istituita come colonia della corona sulla base dell’insediamento dello Stretto e degli Stati federati malesi, costituiti da Pahang, Selangor, Perak e Negeri Sembilan che avevano i residenti britannici come consiglieri dei governanti malesi che dovevano rimettersi a loro, anche in base al trattato. Anche il resto degli stati malesi, che non erano ancora sotto il dominio britannico, avevano consiglieri britannici.

L’esercito giapponese invase e occupò Malesia, Sabah, Sarawak e Singapore durante la seconda guerra mondiale e governò gli stati per tre anni fino a quando le forze alleate riconquistarono la Malesia. Gli inglesi progettarono di unire l’amministrazione della Malesia dopo la guerra, ma incontrarono una fortissima opposizione da parte dei malesi, che avvertirono fortemente l’indebolimento dei governanti malesi. Si sono inoltre opposti alla concessione della cittadinanza ai cinesi di etnia.

L’Unione malese, composta da tutti gli stati sotto il dominio britannico nella penisola malese, esclusa Singapore, fu sciolta nel 1948, restituendo ai loro governanti l’autonomia degli stati malesi, sebbene fossero ancora sotto la protezione britannica. Il Partito comunista malese, l’Esercito di liberazione nazionale malese (MNLA) iniziò una campagna per cacciare gli inglesi dalla Malesia e la campagna durò dal 1948 al 1960, con frequenti scontri tra il gruppo anti-insurrezionale guidato dalle truppe del Commonwealth e l’MNLA.

Entro il 31 agosto 1963 le colonie della corona britannica di Sabah, Sarawak, inclusa Singapore, furono proposte per essere federate per formare la Malesia. Fu ritardato fino al 16 settembre 1963 principalmente a causa dell’opposizione del Serawak United People’s Party, composto da cinesi della classe operaia e di sinistra, molti dei quali erano coinvolti in attività comuniste clandestine e dal primo presidente dell’Indonesia, Sukarno. Singapore divenne uno stato indipendente, separandosi dalla Malesia il 9 agosto 1965.

L’indipendenza portò tensioni nella regione, acuite dal conflitto con l’Indonesia dovuto alla formazione della Malesia. La tensione razziale tra malesi e cinesi portò alle rivolte razziali del 13 maggio 1969 in cui molti furono uccisi. Ufficialmente il conteggio delle vittime è stato solo di 196, anche se i media hanno riferito che più di 2.000 persone sono morte tra il 13 maggio e il 31 luglio. le dimissioni del Primo Ministro Tunku Abdul Rahman e l’attuazione della controversa Nuova Politica Economica.

Gli obiettivi della Nuova politica economica o NEP erano ristrutturare l’economia e sradicare la povertà attraverso la ridistribuzione della ricchezza cambiando la quota di proprietà economica, favorendo i Bumiputra o gli indigeni della Malesia. È stato implementato nel 1971 quando Tun Abdul Razak è stato nominato Primo Ministro. Nuove imprese e industrie manifatturiere su larga scala sono state create e ampliate sotto la NEP. Quando Mahathir bin Mohamad divenne Primo Ministro nel 1981, c’era già una rapida crescita economica e diversità economica dovute al passaggio dall’essere un’economia basata sull’agricoltura a dare maggiore attenzione ai servizi, al turismo e alla produzione. Il cambiamento ha visto l’emergere di progetti molto grandi come la North-South Expressway,

Il governo malese segue un sistema legislativo bicamerale. Il paese è guidato dal re o Yang di-Pertuan Agong, che cambia ogni cinque anni tra i governanti della Malesia. L’attuale re è Sultan Mizan Zainal Abidin, il sultano di Terengganu il cui regno è iniziato il 13 dicembre 2006. Adottando un parlamentare democratico, il primo ministro è a capo del governo, che è nominato dal re. Attualmente la posizione è occupata da Najib Razak che ha assunto l’incarico il 3 aprile 2009.

QUALCHE INFORMAZIONE GENERALE

PER VIAGGIARE SICURI

Dal momento che devi portare molti soldi a Perhentian, il furto può essere un problema, in particolare per i nuovi arrivati ​​che soggiornano nei bungalow più economici con un livello di sicurezza pressoché inesistente. Se provvisti puoi chiedere di mette denaro e dispositivi elettronici nelle cassette di sicurezza alla reception,

Fai attenzione quando lasci oggetti di valore sulla spiaggia per una nuotata, in particolare nelle baie isolate che fanno ritorno alla giungla intorno a Coral Bay.

I piccoli furti sono un problema serio per Perhentian. Anche le infradito sono spesso oggetto di furto. Togliere le scarpe in un bar per ballare o lasciarle fuori dal tuo bungalow aumenta le possibilità che il giorno successivo debba andare a comprare un nuovo paio a prezzi alti e di scarsa qualità. Non lasciare ad asciugare bikini, parei o altri oggetti sotto i porticati esterni alle camere.

Le zanzare sono abbastanza fastidiose nelle isole Perhentian, ma ci sono modi naturali per evitare i morsi . Usa la protezione quando cammini all’interno dell’isola e quando vai a cena al tramonto. Le zanzare diurne possono portare la febbre dengue .

Le scimmie, sebbene di solito innocue, fanno incursioni e sono note per portare via o aprire borse se sentono odore di cibo all’interno. Se una scimmia afferra qualcosa, non rischiare un morso giocando a tiro alla fune perchè poi dovrai tornare sulla terraferma per fati curare.

Le gigantesche lucertole che pattugliano le isole possono sembrare draghi di Komodo, ma in realtà sono molto innocue finché non sei abbastanza pazzo da metterle all’angolo o afferrarne una.

L’acqua del rubinetto non è sicura da bere nelle Isole Perhentian. Puoi acquistare acqua in bottiglia o sfruttare le stazioni di rifornimento dell’acqua in alcuni bar e hotel per ridurre i rifiuti di plastica.

Tagli e graffi del corallo morto possono essere facilmente infettati dall’umidità tropicale. Tratta con attenzione anche i graffi minori per evitare potenziali complicazioni.

ASSOLUTAMENTE DA VISITARE

La valuta locale è il Ringgit malese o MYR. Abbreviato anche in RM, un Ringgit è diviso in 100 sens. Di solito è scritto come RM, seguito dalla denominazione. I tagli delle banconote comunemente usati includono RM 1, RM 5, RM 10, RM 20, RM 50 e RM 100. I tagli usati raramente includono RM 2, RM 60 e RM 600. Le monete vengono emesse per 5 sens, 10 sens, 20 sens e 50 sens.

Le banconote sono colorate e facili da distinguere: i colori vanno da blu (RM 1), verde (RM 5), rosa (RM 10), arancione (RM 20), verde acqua (RM 50) e viola (RM 100) . MYR può essere utilizzato anche in Indonesia, Filippine, Thailandia e Vietnam.

Nonostante la vicinanza non è utilizzabile per i pagamenti a Singapore.

PARLIAMO DI SOLDI

Per esperienza ti consiglio di effettuare il cambio della valuta in Malesia dopo aver raggiunto Kuala Lumpur, presso i numerosi centri di cambiavalute nelle città. Aeroporti, hotel e banche applicano commissioni molto elevate per il cambio e diventano molto sfavorevoli. E’ quindi molto più conveniente portare EURO in contanti in Malesia (non ci sono limiti come in altri paesi asiatici) e cambiarli in MYR, invece di partire già con la valuta malese dall’Italia in quanto il cambio in Italia sarebbe parecchio sfavorevole. Assicurati che le banconote siano in buone condizioni: le banconote danneggiate di solito non sono accettate nei centri di cambio valuta. Ricorda che il pagamento in valuta estera non è consentito nella maggior parte dei posti in Malesia. Scambia in aeroporto il minimo di MYR per i mezzi di trasporto che ti porteranno all’hotel, per il cibo e per le prime comodità prima di raggiungere la città e poter cambiare a tariffe molto più favorevoli.

Le carte di credito e di debito sono accettate in tutti i grandi negozi e bar delle città e delle zone turistiche. I centri e le bancarelle di venditori ambulanti più piccoli hanno una politica di soli contanti, quindi assicurati di portare un po’ di contanti. Tutti i principali fornitori di Carte di credito (visa, mastercard, amex, diners, ecc..) e Bancomat (cirrus e maestro) sono accettati. Eventualmente, per sicurezza, informa il fornitore che ti recherai all’estero in modo che la carta non rischi di venir bloccata per transazioni insolite in un paese straniero. Scegli SEMPRE di ricevere l’addebito in MYR e non nella tua valuta locale in quanto puoi evitare altissime commissioni in questo modo.

Durante il pagamento presso un POS, non perdere mai di vista la carta; è meglio prelevare denaro e pagare in contanti in negozi caratteristici. I bancomat sono disponibili in abbondanza negli hotspot turistici, nei centri commerciali, nelle banche e nelle strade trafficate. I travellers’ cheque non sono accettati direttamente nella maggior parte dei negozi: devono essere incassati presso banche o cambiavalute e queste strutture addebitano una forte commissione per ogni transazione.

Porta contanti in tagli inferiori: RM 10 e RM 50 mentre fai shopping in strada, poiché i tagli più grandi sono più difficili da cambiare.
La mancia non è la norma nei ristoranti e nei caffè più piccoli.
Conserva le monetine per pagare gli oggetti nelle bancarelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *