Le guideCome ricerco le tappe in un viaggio…
pianificazione itinerario viaggio Malesia

Come ricerco le tappe in un viaggio…

COME RICERCO LE TAPPE DI UN VIAGGIO?

In questa fase inizia la mia parte preferita. La pianificazione delle tappe che andrò a toccare durante il mio giretto. Non essendo nato “imparato” su tutti i meravigliosi luoghi del mondo mi appoggio generalmente ad internet per acquisire quante più informazioni possibili.

L’organizzazione del tour è la parte che richiede sicuramente la maggiore quantità di tempo ma diventa anche molto interessante perché permette, nei mesi antecedenti la partenza (io inizio circa 3 mesi prima), di immergersi nella magica atmosfera dei luoghi che andrò a visitare.

Un consiglio molto importante è quello di non programmare troppe tappe. Programma solo le più importanti da “non perdere” perché quando arriverai a destinazione sicuramente troverai qualcosa che vorrai vedere di non programmato che ti porterà ad investire del tempo e se hai già il giro programmato al millesimo di secondo vien fuori un pasticcio.

Programmo il tour stando largo con i “da vedere assolutamente cadesse il mondo” con calma e le seconde scelte pronte all’evenienza. Ma considera, che quando sarai a destinazione, ci sarà sicuramente qualcosa che attirerà la tua attenzione che vorrai inserire nel tour. Considero anche che potrebbe piovere a volte e mi potrebbero servire delle tappe tampone al chiuso.

LA MAPPA DEL MIO VIAGGIO

esempio mappa

Per prima cosa creo una nuova mappa in google mymaps. Qui l’esempio per il viaggio in Malesia. In Google map si seleziona “crea in mymaps” e viene creata questa nuova mappa.

A questo punto, per prima cosa, ho cercato le mete più turistiche da visitare proposte dalle agenzie di viaggio. Non è assolutamente stabilito che le visiterò tutte (è solo una prima bozza iniziale)

Successivamente esploro la guida lonley planet online (senza cambiare lingua) che mi riporta alcune tappe e più o meno son le medesime proposte dai tour, generalmente qualcosa da aggiungere si trova. Leggo le informazioni tra quelle con fotografie presenti e, se mi interessano, aggiungo anche queste alla mappa iniziando a farmi un’idea più precisa delle zone di mio interesse. Ovviamente verranno nuovamente scremate in un secondo tempo.

Dopo aver inserito una base di tour, inizio la vera e propria valutazione dei luoghi da visitare (che proseguirà fino alla partenza ed anche durante il viaggio) tramite le varie risorse online a disposizione.

  • Mi iscrivo ai gruppi facebook riguardo i luoghi in cui mi voglio recare
  • Esploro forum di viaggiatori e backpacker
  • Guardo e seguo su Pinterest i viaggiatori del paese
  • Cerco blog di residenti che parlano del loro paese
  • Consulto un pochino anche Tripadvisor (ma molto marginalmente)
Ci sono una marea di risorse in rete che ci consentono di scegliere le mete che più si addicono alle nostre preferenze. Scelte che non saranno mai possibile effettuare affidandosi agli standard proposti dal mercato.

Durante la ricerca guarda anche su tripadvisor, non tanto per cercare posti da visitare, ma solo per capire cosa ne pensano di quel luogo i viaggiatori che ci sono stati e che hanno ritenuto di lasciare una recensione. Ti aiuterà a capire se quel luogo può incontrare le tue preferenze.

In un primo momento nella mappa che hai creato inserisci tutto quanto trovi che può destare il tuo interesse, tutto con i sengacolori in mymap in un unico colore (io li faccio gialli).

Leggendo ed informandoti sui luoghi, scegli “I TUOI IMPERDIBILI” non devono per forza essere i luoghi più reclamizzati. Ognuno di noi ha i suoi gusti e tu, avendo la fortuna ed il privilegio di poterti organizzare un viaggio in autonomia, ti scegli i tuoi. Io a Tokio per esempio ho dedicato mezza giornata al bar dei gatti ed quello dei porcellini, non erano riportati ne all’interno dei tour delle agenzie e tantomeno nella lonley planet. Sempre a Tokio ho voluto visitare Akiahabara sia di giorno che di sera rinunciando quindi ad altre mete più turisitiche. In tutti i viaggi io scelgo di dedicare, dove presente, una serata per la cena all’hard rock cafe (organizzo la coincidenza quando fanno serata con musica dal vivo) ovunque vado. Questo per dire che ognuno nel viaggio ha le sue mete, perché il viaggio è prima di tutto un percorso personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo viaggio solo
Instagram
seguimi sui miei canali