wat-phra-that-doi-kham-Chiang-Mai

Wat Phra That Doi Kham

Orario di apertura
Tutti i giorni: 8:00 - 17:00
Biglietto di ingresso: Gratuito<br
Informazioni generali
Wat Phra That Doi Kham è uno spettacolare tempio situato sui lussureggianti pendii montuosi, a soli 13 km a sud-ovest dalla città vecchia di Chiang Mai . Il nome "Wat Phra That" indica che ospita preziose reliquie e manufatti di Buddha e "Doi Kham" si traduce in "Golden Hillside" nel dialetto locale.
Si ritiene che Wat Phra That Doi Kham sia stato costruito nell'anno 687 e ospita una grande statua del Buddha alta 17 metri. Ci sono anche serpenti Naga d'oro che custodiscono le scale della pagoda e il chedi custodisce una sacra reliquia del Buddha. La pagoda circonda una grande reliquia del Buddha e si dice che contenga anche alcuni dei capelli del Buddha. Nel 1966, le piogge torrenziali hanno visto la distruzione del tempio, tuttavia, la gente del posto si è riunita per raccogliere fondi e rinnovare il tempio per quello che è oggi. Mentre attraversi il cortile, noterai molte statue più piccole di Buddha con scatole di preghiera dove puoi fare una donazione. Ci sono anche campane che i visitatori possono suonare. Vieni all'alba o al tramonto e goditi le splendide viste. La maggior parte dei visitatori di Wat Phrathat Doi Kham percorre la strada breve e tortuosa fino al tempio. Ti voglio invece consigliare di salire la scala Naga in quanto aggiunge esperienza, secondo me. La prima parte della passeggiata ti porta attraverso il bosco fino a raggiungere la scalinata. È un po' un allenamento ma vale la pena farlo. Raggiungerai una piattaforma con una statua di Buddha sdraiata e in piedi. Questo è il modo in cui i pellegrini camminavano verso il tempio prima che costruissero la strada e l'enorme parcheggio. Ci sono tante storie e leggende da raccontare su Wat Phrathat Doi Kham: la leggenda più famosa coinvolge una coppia di giganti Pu Sae e Ya Sae e il loro figlio Sudeva Rikshi e il Buddha. Alla fine Pu Sae e Ya Sae divennero gli spiriti antenati del Regno di Lanna. Ai piedi del Doi Kham c'è un santuario per Pu Sae e Ya Sae. Secondo alcuni miti registrati dal defunto Kraisri Nimmanhaeminda (1967), una volta che il Buddha stava viaggiando nell'area dell'attuale Chiang Mai, incontrò tre giganti che erano cannibali. Era una coppia con il figlio. Questo trio ha seguito le sue tracce nella speranza di farne un pasto. Buddha li spaventò battendo il piede su un masso, dove oggi si trova Wat Phra Buddha Bat Si Roi nel distretto di Mae Rim. Alla fine, quando il Buddha pronunciò loro un sermone, i cannibali si convertirono alla sua religione e si astennero dal prendere carne umana per ricevere invece carne di bufalo. Quanto al loro figlio, fu così colpito dal sermone che si impegnò ad astenersi per sempre dal consumare carne di qualsiasi tipo e chiese di farsi monaco. Successivamente si spogliò per condurre la vita da eremita, trascorrendo il tempo in meditazione in una grotta in cima alla montagna che poi prese il suo nome: Doi Suthep. Dopo la morte, il trio è diventato uno spirito vagabondo.

Come arrivare
Puoi raggiungere il tempio prendendo uno scooter, un taxi, grab, o un songthaew (il furgoncino rosso turistico). La spesa si aggirerà intorno ai 100/150THB. Una volta arrivati ​​alla base della montagna, c'è un cartello in nero e oro che indica alle auto di viaggiare a sinistra e agli escursionisti che prendono le scale a destra. Meglio organizzare un viaggio di ritorno con il tuo autista, 1 ora al tempio è sufficiente. Dato che sei nelle vicinanze, organizza una gita di un'intera giornata e dai un'occhiata al Royal Park Rajapruek che si trova a soli 5 minuti di distanza. Quindi puoi andare al Night Safari, anch'esso nelle vicinanze.

Da sapere prima di visitare il tempio
Rispetta le immagini del Buddha e astieniti dal toccarle o calpestarle. Solo i lavoratori autorizzati possono arrampicarsi su una statua per pulire o posizionare offerte.

Esiste un codice di abbigliamento specifico per visitare il tempio. Potrebbe non esserti permesso entrare se indossi pantaloncini sopra le ginocchia, una t.shirt senza maniche o con l'ombelico in vista. Come ovunque in Thailandia, indossare gli abiti giusti mostra rispetto mentre si è nel luogo sacro.

Personalmente, visto il caldo, non indosso propriamente maniche lunghe o pantaloni lunghi ma le ginocchia e le braccia le copro sempre. Al max porto nello zainetto un pareo da indossare all'occorrenza in caso di emergenza.

Considera che dovrai toglierti le scarpe all'interno del tempio ed il pavimento potrebbe essere molto caldo, quindi porta i calzini se non vuoi bruciarti i piedi. Anche per una questione igienica i calzini son comunque consigliati, al massimo tienili nello zainetto ed indossali all'occorrenza solo per visitare il tempio.

Durante l'adorazione davanti all'immagine del Buddha, i tuoi piedi non dovrebbero essere rivolti verso la scultura. È considerato altamente irrispettoso, infatti se noti i monaci si inginocchiano con i piedi rivolti verso il lato opposto la statua.